Home » news

news

Sara Fedeli / HANDMADE a cura di Domenico Cornacchione

Sara Fedeli / HANDMADE a cura di Domenico Cornacchione -  DOMENICO CORNACCHIONE

Sara Fedeli / HANDMADE

24 novembre / 29 dicembre 2017

 

a cura di Domenico Cornacchione

SpazioELLE – centro di ricerca e sperimentazione artistica

 

Dopo il grande successo della mostra “Abiding Embrace / Indissolubile Abbraccio” alloSpazioELLE di Castel Gandolfo, dal 24 novembre al 29 dicembre 2017, torna protagonista la fotografia. “Handmade” è un racconto per immagini di una giornata lavorativa all’interno di un’officina dei Castelli Romani, siamo ad Albano Laziale, in provincia di Roma, all’interno di una storica azienda specializzata nella lavorazione dei metalli. Sara Fedeli, artista anch’essa originaria di Albano Laziale, ha seguito da vicino i fabbri in attività, concentrandosi sui particolari del loro operare. Ne ha spiato i segreti, la loro manualità, la concentrazione e dedizione al lavoro, ma soprattutto ne ha svelato l’umanità. La scelta di ritrarre quest’officina, infatti, non è stata casuale. Si tratta di un laboratorio in cui è ancora molto presente una visione artigianale del lavoro, in cui le più moderne attrezzature si fondono con il sapere antico del lavoro manuale. La macchina, seppure indispensabile per la lavorazione della materia, non può sostituire la capacità, l’esperienza e la passione umana. Non è un caso che la mostra si conclude, dopo una serie di fotografie di dettagli delle attrezzature e delle mani dei fabbri, con l’unica immagine in cui compaiono i volti degli uomini a lavoro, anzi in “pausa”, perché anche la pausa è elemento fondamentale del lavorare bene.

Allo SpazioELLE dal 24 novembre al 29 dicembre 2017.

ORARIO

Mercoledi e venerdi

10:30/12:30

16:30/19:30

Aperto su prenotazione negli altri giorni della settimana

Ingresso gratuito

tel: 3273371588

Mail: spaziol.lacicala@gmail.com 

 

Acquista il catalogo della mostra su Amazon

Terra, Aria e Ferro

Terra, Aria e Ferro -  DOMENICO CORNACCHIONE
Terra, Aria e Ferro
 
 
 
 
Quando si ha uno stretto legame con un luogo non si può che condividerne anche le preoccupazioni e le paure. “Terra Aria e Ferro” è proprio questo, un progetto artistico che intende addentrarsi in uno dei tanti problemi del Molise: l’invasione degli impianti eolici.
Negli ultimi anni sono sorti ovunque, in maniera disordinata e impropria, spesso in luoghi di una bellezza straordinaria compromettendoli per sempre.

L’intenzione è, per così dire, quella di fare il punto della situazione attraverso la raccolta di testimonianze dirette di chi vive in prima persona il problema o l’opportunità, secondo i punti di vista. “Terra, Aria e Ferro” è uno spazio di confronto libero, una raccolta di testimonianze a favore e contro l’eolico in Molise. Tutti possono esprimere la loro opinione, il materiale raccolto sarà pubblicato sul mio blog domenicocornacchione.blogspot.it.

Contemporaneamente ho iniziato il mio personale viaggio attraverso tutti i parchi eolici molisani, realizzando una serie di fotografie che saranno poi raccolte in un libro fotografico.
In Molise, ormai saturo di parchi eolici, sembrerebbe impossibile costruirne altri, ma questo non deve far pensare che il problema sia risolto. Prima di tutto restano quelli già costruiti a testimoniare lo scempio perpetrato in questi anni, e poi ci sono i confini da tutelare. Proprio in questi giorni in Campania, a poche centinaia di metri dal confine molisano, nei pressi dell’area archeologica di Altilia, sono iniziati i lavori di costruzione di un nuovo parco eolico. Per questo ho esteso la mia attenzione alle zone di confine, e allargato il mio pellegrinare all’Abruzzo, al Lazio, alla Campania e alla Puglia.
 
Chi vuole partecipare al progetto, esprimere il proprio parere favorevole o contrario ai parchi eolici lo può fare scrivendo all’indirizzo mail domenico.cornacchione@hotmail.it